21
MAR
2017

Festa del papà, il vescovo di Novara dice messa qui da noi

La festa di San Giuseppe, qui a scuola, è sempre una ricorrenza particolare. Ma quest’anno è stata più speciale del solito perché la messa per i papà è stata celebrata dal vescovo di Novara in persona, Monsignor Franco Giulio Brambilla, che ha dedicato la predica al santo «custode del nome, della casa e della promessa», come ha tenuto a spiegare a studenti, genitori e professori che gremivano la cappella dell’Istituto. Il padre putativo di Gesù – ci ha detto il prelato – nel Vangelo non pronuncia mai parole, eppure la sua presenza è sostanziale, proprio come quella di ogni papà che ha il compito di insegnare ai figli a crescere responsabili e prepararli alla vita.

All’apparenza, infatti, Giuseppe è una figura un po’ trascurata dalle Sacre Scritture, tanto che i ragazzi di terza media gli hanno voluto scrivere una lettera: “Ma tu, caro San Giuseppe, che cosa pensi dell’amore?”, gli hanno chiesto, incuriositi da questo personaggio che pur standosene in disparte ci insegna a dare con gioia. E a vivere a colori: ogni alunno ha avuto in regalo un’impronta con sopra incollato un pastello giallo, blu, verde o rosso, metafora del dono che ciascuno possiede e deve spargere attorno a sé.

E alla fine… pizza per tutti, degna conclusione della festa di San Giuseppe.

GUARDA LA NOSTRA GALLERY